info@tonicello.it

+39 0963 663724

Ti invitiamo a prenotare ora la tua stanza

1
2
3
4
5
6
7
8
9
0
1
2
3
4
5
6
7
8
0
1
2
3
4
5
6
7
8
0
1
2
3
4
5
6
7
8
CHIUDI
Meteo

Le più belle spiagge di Capo Vaticano e Ricadi

×

Avviso

Please enter your Disqus subdomain in order to use the 'Disqus Comments (for Joomla)' plugin. If you don't have a Disqus account, register for one here
Itinerari
Praia Di Fuoco Spiagge Capo Vaticano

La costa di Capo Vaticano – Ricadi, così frastagliata, ha fatto si che negli anni si creassero numerosissime spiagge caratteristiche e uniche nella loro bellezza.

Vi proponiamo un rapido viaggio attraverso le spiagge più belle di Capo Vaticano – Ricadi. Non potrete evitare di viverle e visitarle tutte!

#RIACI – SANTA DOMENICA

Baia di Riaci è una spiaggia lunga e ampia, molto sabbiosa. La caratteristica di questa spiaggia è legata alla presenza di uno scoglio, detto di Riaci o Scoglio Grande, unito alla terraferma da una lingua di sabbia e scogli. A nord della Baia un piccolo vallone naturale, il Vetrano, separa il comune di Tropea da quello di Ricadi.

#GIARDINELLO – SANTA DOMENICA

Difficilmente raggiungibile da terra per la presenza di strutture ricettive, questo tratto di litorale deve il suo nome ad un giardino che si trovava vicino alla spiaggia. La sua caratteristica è, anche in questo caso, la presenza di uno scoglio chiamato Ardito per la sua forma simile a quella di un fungo.

#A MASSARA – SANTA DOMENICA

Raggiungibile  a piedi da altre spiagge (Riaci o Scalea), questa spiaggia ampia e sabbiosa, deve il suo nome al fatto che “a massara” (una massaia) abitava in una casetta attigua alla stessa.

#A STAZIONI – SANTA DOMENICA

Si tratta della famosa spiaggia di Scalea, sita esattamente sotto il paese di Santa Domenica e raggiungibile a piedi attraverso una lunga scalinata. E’ una spiaggia molto stretta ma particolare per la presenza di numerosi scogli.

#GABBATURCU – SANTA DOMENICA

Sita tra la spiaggia di Formicoli e quella di Scalea, la spiaggia “Passu du Gabbaturcu” deve il suo nome a un’antica leggenda. Infatti si racconta che, all’epoca delle incursioni saracene, un gruppo di pescatori locali ordì una trappola ad una nave turca, che li inseguiva, facendola insabbiare e quindi “gabbandola” (fregandola). E’ raggiungibile a piedi dalla spiaggia di Formicoli o da quella di Riaci.

#FORMICOLI – SANTA DOMENICA

La spiaggia di Formicoli prende il nome da Forum Herculis, l’antico porto greco-romano di cui sott’acqua restano ancora le tracce. Si tratta di una spiaggia molto lunga e dalla sabbia finissima. Permette di fare lunghe passeggiate a piedi per ammirare le bellissime falesie di arenaria.

#TORRE MARINO – SANTA DOMENICA

La spiaggia prende il nome dall’antica torre di guardia che ivi sorgeva. Molto bella e sabbiosa, la caratteristica di questa spiaggia è la possibilità, durante la bassa marea, di camminare nell’acqua toccando con i piedi il fondo, pur essendo a largo.

#CASA DU GAIUZZU - TURIANU - PIRAINU – CAPO VATICANO

Si tratta di tre spiagge attigue, raggiungibili dalle altre spiagge o dal mare, molto piccole. Si alternano tratti sassosi a tratti sabbiosi.

#RUFFA - TORRE RUFFA – CAPO VATICANO

Si tratta di due spiagge attigue. La prima prende il nome dal torrente che sfocia in mare, la seconda - posta più a sud - deve il nome all’antica torre di vedetta. Difficilmente accessibili per via della presenza di strutture ricettive, solo una piccola parte della spiaggia rimane libera.

#ROCCA DI VADARO - FIORINA – CAPO VATICANO

Tra la spiaggia della Ruffa e il Tonicello esistono due spiaggette di piccole dimensioni. Rocca di Vadaro che prende il nome dall’omonimo scoglio, e la spiaggia Fiorina, il cui nome è legato alla fioritura lunga la costa di profumatissimi fiori selvatici.

#TONO – TONICELLO

E’ una delle spiagge più grandi, nella parte centrale è chiamata Tono mentre , verso nord, prende il nome di Tonicello. Proprio qui è ubicato il nostro lido, attrezzatissimo.

#PRAIA I FOCU - FICARA – CAPO VATICANO

Raggiungibili via mare, o da un sentiero naturale posto sotto il Belvedere, sono le due spiagge sabbiose “nascoste” nelle scogliere del Capo. La Ficara, posta più a sud, deve il suo nome alla presenza di un vecchio albero di fichi sulla spiaggia. Praia i focu, che significa Spiaggia di fuoco, deve il suo nome ai fuochi che venivano accesi come punto di riferimento per i pescatori.

#PETRAIA – CAPO VATICANO

Molto stretta e piena di pietre, si trova tra  il Capo e la spiaggia Salamite. E’ molto suggestiva e adatta a chi ama le immersioni subacquee.

#SALAMITE – CAPO VATICANO

Sita a nord della spiaggia di Grotticelle, tale spiaggia deve il nome alla presenza numerosa, in passato, delle lucertole (dette salamite nel dialetto locale). La sabbia è finissima, il panorama mozzafiato. E’ una spiaggia poco affollata e tranquilla. Inoltre in pedalò o barca è possibile raggiungere tutte le spiaggette e le grotte della scogliera del Capo.

#GROTTICELLE – CAPO VATICANO

E’ una delle spiagge più conosciute e frequentate. Tale spiaggia dà il nome a tutta la Baia.

 

#CALISPERA - MAGAZZENI – CAPO VATICANO

Tra la Baia di Grotticelle e quella di Santa Maria si trova un grande ammasso granitico con la sua spiaggetta rocciosa visitabile a piedi o a nuoto/pedalò. Poco più a largo della spiaggia, pare che ci sia una fossa sottomarina chiamata Smaledittu con un relitto di una nave affondata tempo fa.

#SANTA MARIA – CAPO VATICANO

E’ una delle spiagge più affollate durante i periodi estivi. E’ chiamata così in onore della Madonna a cui è dedicata una piccola chiesa, sita sul lungomare. Molto lunga e dalla sabbia fine, nella zona a sud della Baia ci sono un gruppo di scogli detti della Galea, molto suggestivi e adatti agli amanti dell’esplorazione e dell’avventura. Sono così chiamati perché, secondo la leggenda, un tempo su questi scogli venivano incatenati i galeotti.

#PETRAIO – CAPO VATICANO

Posta a sud della spiaggia di Santa Maria, è una spiaggia mista di sabbia e sassi, con sogli sparsi un po’ ovunque. Nei pressi di questa spiaggia ci sono la “Grutta du Stefanu”, perché pare fosse frequentata da un giovane di nome Stefano, e “A Vasca du Lupinaru”, perché in passato vi era una vasca naturale dove venivano lasciati a bagno con il sale i lupini.

Recensioni

Ultime Recensioni